F1 → Sepang. Hamilton KO. Ricciardo vince. Rosberg ringrazia.

In quella che molti definiranno la gara più divertente dell’anno, il motore di Hamilton va a fuoco, Ricciardo va a vincere e Rosberg allunga in classifica.

Il GP di Sepang offre un bello spettacolo, saranno finalmente soddisfatti anche i detrattori della F1 che prima si lamentano della noia, poi si guardano tutte le gare per lamentarsi di quanto si annoiano.

Vettel commette un errore al via e compromette la propria gara e (in parte) la gara di Rosberg che si trova subito costretto a inseguire e rimontare. Coinvolto nell’incidente anche Verstappen, che con la consueta sobrietà, educazione e diplomazia, definisce Vettel, apriamo virgolette perché sono parole sue, “un pazzo. Mi è venuto addosso come un idiota”.

Fin qui bene, ma non benissimo. La gara si complica per Mercedes e Ferrari, ma si sa che le difficoltà di qualcuno sono un’occasione per altri e la Red Bull si ritrova inaspettatamente a lottare per i piazzamenti più alti. Al 41° giro la fortuna prende a schiaffi Hamilton e aiuta tutti gli altri. Il motore del pilota Inglese numero 44 va a fuoco, proiettando Ricciardo al comando, seguito da Verstappen e Raikkonen. 

Rosberg riceve la notizia dai box e si infiamma, sorpasso azzardato (che verrà punito con 10 secondi di penalità) a Raikkonen e si ritrova terzo, portando virtualmente a 23 punti il vantaggio in classifica generale su Hamilton. Alla fine, i 10 secondi di penalità saranno ininfluenti perché Nico è indiavolato e non commette errori, e la Mercedes è oggettivamente troppo più veloce della Rossa.

Red Bull piazza un inaspettato uno-due con Ricciardo, che riscatta un po’ di fortuna e si riscatta verso il suo stesso team che gli aveva chiesto di far passare Max, e Verstappen, rispettivamente al primo e secondo posto. Terzo Rosberg, quarto Raikkonen seguito dalla Williams di Bottas e le due Force India che si prendono i posti “pari”, Perez 6° e Hulkenberg 8°, e le McLaren-Honda ai posti “dispari”, Alonso 7° e Button 9°. Chiude a punti, al decimo posto, anche il sorprendente Palmer con la Renault.

Bene Red Bull. Bene, ma non benissimo Mercedes dove ride solo Rosberg e bene anche le McLaren Honda, entrambe a punti. Male Haas, nessuna delle due auto completa la gara. Altro? Mh… Direi di no. A parte Ericsson, che prima del GP è caduto dalla bici (?!) investendo una gallina (?!?!). Poi per il resto è un GP da no-comment. O no?


Prossimo appuntamento in Giappone, fra una settimana esatta, a Suzuka.


testo: Alessandro Renesis

foto: Getty

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...